Arricchire i nostri punti di vista

Se osserviamo come si sono modificate certe convinzioni granitiche nel tempo, ci accorgiamo che ad un certo punto alcune persone con un punto di vista differente della realtà, hanno offerto il loro contributo.

All’inizio sono state perseguitate e costrette a rinunciare e a sconfessare tutto quello che avevano detto per poi essere riscattate molto tempo dopo la loro morte, con atti di scusa più o meno credibili. Il nostro modo di pensare basato sulla divisione e sul concetto di bene e male ci porterebbe ora a dire che i “cattivi” erano coloro che volevano mantenere la loro realtà così come era, mentre i “buoni” quelli che invece hanno cercato di offrire punti di vista nuovi.

Ma leggendo il libro di Carlo Cannistraro “Hamer ha ragione e la medicina è sottosopra” l’approccio a questo aspetto è molto più complesso. Esiste una Verità con la V maiuscola, espressione di un valore universale? O è più probabile che esista una verità con la v minuscola per ogni essere vivente su questa terra? Anche la Scienza Quantistica di fatto ci dice che la realtà, così come la intendiamo noi, cioè una realtà rappresentata da ciò che vediamo, sentiamo, tocchiamo, annusiamo e gustiamo, non esiste. Esistono di fatto delle energie, delle onde che vibrano, che colpiscono i nostri sensori che inviano gli impulsi al nostro cervello per l’elaborazione finale. E questo passaggio è filtrato dalle nostre memorie, sia personali sia della nostra famiglia e ci viene trasmesso come memoria funzionale alla nostra sopravvivenza. E’ quindi chiaro che ognuno vive la propria realtà, sempre diversa da quella degli altri, quindi unica e vera per lui ma che nulla ha a che fare con un concetto di Verità universale. E inoltre sempre la Fisica Quantistica ci indica che l’osservatore di un evento influenza l’evento stesso e che quindi entra in una co-creazione, più o meno consapevole.

Perché questi ragionamenti e cosa c’entrano con quello che ho scritto prima? Se fin qui tutto quello che ho scritto è stato oggetto di scoperte della nuova Fisica, allora possiamo dire che non esiste un modello di Verità assoluta in nessun campo della nostra vita. Neanche nella Medicina. E’ allora importante che ognuno di noi si assumi la responsabilità di conoscere, di ampliare i propri punti di vista per cercare di rendere più ampio il sistema con il quale riesce a decodificare la propria realtà. Non esiste nessuno che può essere il medico di noi stessi; solamente noi possiamo attivare le nostre risorse per capire perché ci accadono le cose e per trovare la nostra strada migliore per affrontarle e per scioglierle. Senza pre-concetti per nessuno ma con maggiore consapevolezza, assoluto senso di responsabilità verso la propria vita e con la convinzione che siamo noi a creare le condizioni nelle quali viviamo. Far emergere, accogliere e modificare convinzioni e modi di vivere non più funzionali a noi, ci consente di modificare le condizioni della nostra esistenza, con grande beneficio per il nostro benessere.

Se vuoi ampliare i tuoi punti di vista sul perché ci ammaliamo, l’Associazione Essere Umano ti invita a partecipare alla conferenza del Dott. Catani venerdì 15 aprile alle ore 21:15 “Psiche-cervello-organo: perché ci ammaliamo?”

La conferenza è aperta a tutti senza bisogno di prenotazione. E’ gratuita per gli iscritti all’Associazione Essere Umano e Associazione Movimento Interiore ed ha un costo di € 5 per i non iscritti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *