Come i bambini!

Siamo arrivati a Dicembre. Un mese particolare durante il quale abbiamo occasione di stare più a contatto con i nostri cari. Si respira un’aria di festa, di calore durante la quale possiamo anche permetterci di riposarci e di stare un po’ con noi stessi. O almeno questa è la possibilità; non sempre però riusciamo a coglierla a fondo, specie quando ci lasciamo prendere dall’eccesso consumistico del periodo.

Soprattutto, Dicembre è il mese della nascita di Gesù e quindi per chi è cattolico e per la nostra cultura di appartenenza, è il momento durante il quale il Divino si è fatto uomo. Si è incarnato in un essere umano, per manifestarsi, per essere visto. A me piace pensare che Gesù ci ha mostrato la strada che ci insegna a trovare il divino dentro ognuno di noi. Tutti siamo l’incarnazione della divinità e tutti abbiamo dentro questa parte eterna che è connessa con il tutto. Gesù ci ha mostrato come è possibile ricontattarci con questa, dicendoci in particolare che il Regno dei Cieli appartiene a chi è in grado di tornare a guardare con gli occhi di un bambino.

L’augurio per questo Natale allora da parte di tutti noi dell’Associazione Essere Umano è quello di tornare ad essere bambini, a guardare il mondo con stupore, con fiducia, con amore, con la profonda convinzione che ci sarà qualcuno che si prenderà cura di noi.

 

TU SEI LE MANI DEL DIVINO

Ora Dio non ha alcun corpo sulla terra, se non il tuo.

Non ha mani, se non le tue.

Non ha piedi, se non i tuoi.

Tuoi sono gli occhi con i quali guarderà

il mondo con la compassione divina;

Tuoi sono i piedi con i quali andrà in giro

facendo del bene;

Tue sono le mani con le quali ora benedirà gli uomini.

Santa Teresa D’Avila

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *