Quale Dea ha bisogno di essere ascoltata?

Intorno al tema della femminilità si è detto tanto e si continua a dire tanto. Quindi le parole che scrivo qui le considero più come delle riflessioni personali che mi vengono stimolate dalle donne che ogni giorno incontro nella mia vita.

Più mi e le osservo e più sono convinta che esistono tanti modi di essere donna e di vivere la propria femminilità e tutti hanno ragione di esistere e di avere uno spazio nella nostra vita.

Il libro “Le Dee dentro la donna” scritto dalla terapeuta Bolen presenta una visione stimolante: quella cioè di vedere attraverso gli occhi delle dee, che la nostra cultura ha prodotto nel tempo, i vari aspetti della nostra femminilità.

E allora riconosco nelle mie amiche di viaggio che sono impegnate in uno scopo, in una passione come realizzazione personale di un proprio talento o di un proprio interesse, le Dee Vergini come Demetra la Dea della Caccia o Atena, Dea della Saggezza e dei mestieri. Sono Dee che personificano gli aspetti di indipendenza, di attività che sono propri della psicologia della donna. Quegli aspetti che se sviluppati la rendono Una in se stessa.

Motivata a seguire i propri valori interni, a fare ciò che per lei ha senso e la realizza, a prescindere da ciò che pensano gli altri. E poi ci sono quelle compagne di viaggio immerse nel loro ruolo di moglie e di madri, prese a stare pienamente nella relazione, ad entrare profondamente in contatto. E queste mi ricordano le Dee Vulnerabili come Era, la dea del matrimonio o Demetra, la Dea delle messi.

Queste divinità impersonano gli archetipi dei ruoli “tradizionali” della donna come moglie e madre ed esprimono il bisogno femminile di affettività e di affiliazione. Per questo motivo sono chiamate Vulnerabili perché si espongono a pieno in una relazione, attivando la loro capacità di essere attente e ricettive agli altri. E la domanda che a volte mi faccio è: quando ci permettiamo di attivare anche la Dea Alchemica che è in noi? La nostra Afrodite? Quando ci lasciamo andare alla nostra capacità e desiderio di essere sensuali, di desiderare e di farci desiderare, semplicemente con la possibilità di vivere a pieno quel momento?

Se volete contattare le Dee che sono presenti in voi e vedere quale di queste oggi è più presente nella vostra vita e qual è quella che richiama maggiormente la vostra attenzione, vi invitiamo martedì 8 Novembre alle ore 20:30 presso il Castello Malleus, all’incontro di counseling di gruppo “Il cerchio delle possibilità”. Un’altra occasione di consapevolezza che il lavoro di gruppo ogni volta permette di raggiungere.

E l’invito è esteso anche agli uomini per conoscere meglio le loro compagne e perché no.. anche per contattare la loro parte femminile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *